E TRE!

Tanti sono i reparti ed i piani dell'osp. di Bracciano che ho visitato durante questa mia degenza. Per dirla in termini Wilberiani ' Tutti i Piani-Tutti i livelli'.
Ortopedia, Medicina e oggi Chirurgia, dove sono appoggiato in attesa che si liberi un posto nella mia amata Medicina Generale. E' proprio così che mi sento. Contento di essere tornato a 'casa'. Sembra incredibile quello che sto scrivendo, ma mi sento sollevato, un sollievo che rasenta la contentezza. Omcredibile ( scusate, ma l'ho scritto così, carino no?) quando penso che posso sentirmi contento di ritornare in ospedale. Per tutti e 4 i giorni a casa sentivo un movimento magnetico che non mi permetteva di essere sereno lì.
Colgo l'occasione per chiedere scusa a te mio dolce Emil, che hai dovuto sopportare tutta la proiezione del mio malcontento su di te, e chiedo scusa anche a te Tea, che Santa Subito, me te sei dovuta cibbà!!! Scusa Iole per averti stressato con le iniezioni di antibios, anche se solo per quelle iniziali, visto che poi sei diventata un mito, al primo posto della classifica 'Ago d'Oro 2010' insieme a Zia Matilde; strano!! le uniche due non infermiere della classifica.
Carissima famiglia la ragione della mia pseudo-ricaduta credo sia anche dovuta a questo fattore "psicoemotiv": il mio cuore, non può sopportare la proiezione del mio disagio su di voi, che invece con il vostro amore permettete al mio cuore di battere. Il mio cuore non può che battere per voi, i miei polmoni non possono far altro che respirare per voi, ma a volte anche il farsi da parte, il riconoscere il proprio limite, deve spingere ad un ritorno esclusivo a sè, come dice Gaber 'quel sano egoismo dell'amore per me'.
In effetti io non volevo uscire, quando mi è stata comunicata la notizia delle dimissioni protette, il mio senso di ragno ha pizzicato, non me la sentivo proprio. Unito a ciò, l'aspetto puramente medico-farmacologico. La terapia intramuscolo, che oltre ad essere fuck'n dolorosa era anche troppo fuck'n blanda (scusate l'inglesismo, ma mi fa sentire molto se' pistol), troppo precoce e quindi inefficace.
No, no per fortuna che è andata bene: aver ritrovato subito il posto letto, anche perché al pronto soccorso, ieri, la dottoressa che mi aveva accolto (la stessa del primo ricovero) mi aveva fatto intendere che, visto che si trattava solo di un aumento di dolore e non un aggravamento sintomatico, tutto ciò che avrebbe potuto farmi era una flebo di antibios, un antidolorifico e a casa, con l'infermiera che la rafforzava dicendomi che non c'era un solo letto libero in ospedale. Io, incredibilmente, come mi accade spesso, sapevo che di lì ad un oretta sarei stato ricoverato (potenza dell'intuito, unica mia vera luce-scandaglio in mezzo al nebuloso ineffabile autoaccadere. Uno strappo nel tessuto dell'ordinaria dimensione tridimensionale, e si possono sentire avvenimenti futuri realizzarsi nel presente, facendoci fare un viaggio a ritroso sino a che quel tale evento sarà un ricordo del passato, il tutto realizzato nell'incessante spazio di un respiro, nell'incessante, infinito ed eterno presente, unica dimensione spazio-temporale possibile, quindi se incessantemente autoaccadiamo, infiniti possono essere gli strappi attraverso i quali possiamo vedere, come dice K.W., IL NOSTRO VERO VOLTO. bloody amazing. )

Ma torniamo alle cose terrene!
Come dicevo... eccomi in chirurgia. Un reparto con una vibrazione così diversa dagli altri, qui l'ambiente è quasi sterile a confronto. Le stanze da quattro, ogni bagno con un bidet, mentre in medicina, per un numero maggiore di pazienti con molti più problemi di natura fisiologica, ce n'era UNO solo, e ironia della sorte, in ortopedia dove sono quasi tutti ingessati e immobili a letto addirittura il bagno in camera con vasca, geniale uso della logistica, quando si dice al servizio del paziente.!!
Qui in chirurgia regna profonda pace sedata, tutti a letto buoni e tranquilli, le infermiere passano e alla richiesta anche fuori terapia di e'tra antidolorifici non battono ciglio, cosa che a medicina nemmeno se te mettevi a fa Tarzan sul cornicione te se filavano. La maggior parte dei letti in chirurgia, tra cui il mio, sono di ultima generazione, hanno persino abs, navigatore satellitare e mp3. Insomma tutto sembra meglio, fino a quando decido di attaccare Consuelo (la mia PS2) e nooooooooooooooooooo!!! La presa è diversa ci vuole un riduttore complesso, acc. %&&$$££& dannazz malediizz.

Esco nel corridoio comincio a camminare e vedo dentro una delle stanze un amico che la volta scorsa era stato a sua volta appoggiato per una notte nel Dome destinato appunto alla chirurgia, lo saluto e noto che ha un accessorio pseudo tv satellitare , dvd e radio, schermo 14 pollici, che si vede un gran bene, yes!, la partita alle 20.45 del Milan con il Real è salva.
Ritorno in stanza e comincio a leggere l'unico libro che mi sono portato. Di fronte alla libreria mi sono sentito proprio scelto da lui, un libro che più che leggere avevo già intrapreso lo studio, ma poi l'ho accantonato, e stavolta sento proprio che seriamente ci voglio andare a fondo: The I Ching. Un oracolo che esercita su di me un incredibile fascino, la sua visione universale naturalistica del moto e della quiete degli eventi strettamente coerente al moto e alla stasi dell'universo è semplicemente sbalorditiva, resa ancor più tale dalla epoca storica a cui si attribuisce la stesura. Perla dell'antico sapere cinese, che si adatta perfettamente anche alla coscienza del mondo occidentale, uno di quei doni che mi fa intuire come le più alte vette della saggezza della nostra coscienza è sempre stata innata nell'essere umano, non la si può raggiungere per causa ed effetto. Madre Natura ci ha donato questo innatismo che è proprio intessuto nel nostro Sè collettivo e individuale da sempre.

<<<Inizio tempo reale ore 6.42>>>.
La stanza, si sveglia. Ora vi presento i miei camerati: Il nome del primo letto a s' mi è incomprensibile, rumeno, assomiglia al famoso mafioso anni trenta 'faccia d'angelo'. Sentito parlare due volte in quasi 48 ore.
Accanto un vero e proprio personaggio: Romolo romano, archeologo, e' ricercatore dell'Università di Dussendorf. A primo acchito, sembra paraplegico, sulla sedia a rotelle, con le gambe totalmente bloccate. Cupo, triste ma che all'accenno di un suo sorriso il suo volto si illumina e la sedia sembra staccarsi da terra. Una persona di grande dolore. Accanto a me un ragazzo di una ventina d'anni, Roberto, che con altri due amici hanno fatto un frontale al ritorno dalla discoteca, notte di Halloween, la sua condizione tuttavia non è grave.
Romolo svegliandosi dà il buongiorno e rivolto a me dice: 'Specialmente al personaggio misterioso, lo scrittore notturno, che cerca con tutto se stesso di cambiare il mondo'. Il tono non mi sembrava nè sarcastico nè scocciato, bensì un tono autenticamente genuino'. Da quel momento, siamo diventati molto vicini, lo aiuto in tutto. Tornando però a ieri sera durante la pulizia parti intime dei pazienti allettati a me e faccia d'angelo ci fanno uscire, inusuale.
Stamattina, avendo la flebo attaccata, sono rimasto dentro, e mentre l'infermiera mi posizionava l'ago, inavvertitamente mi è andato l'occhio su Romolo, che era girato dandomi il posteriore. Una visione agghiacciante, avevo una grossa curiosità insieme ad un senso di incredulità, non ricordo di aver mai visto niente di simile. Un buco di una ventina di cm. dall' attaccatura dei testicoli fin sopra l'osso sacro. L'impressione che avevo era come se una belva sanguinaria gli avesse dilaniato il posteriore completamente. Da brivido.
Finita l'opera di pulizia, uscendo dalla stanza mi ha fatto l'occhiolino. Non lo dimenticherò tanto facilmente.
<<<Fine tempo reale >>>

Tornando all' I Ching, ogni volta che leggo l'introduzione di Jung mi perplimo d'immenso. Ora trascrivo alcune frasi che penso descrivano in modo chiaro e sintetico il fulcro di qualsiasi approccio spirituale trasformativo. Se una persona mi chiedesse: ' Su che cosa si incentra l'esperienza del Rebirhing Ttranspersonale?'
Gli risponderei proprio usando tali affermazioni.
L'attenzione che il Reb. favorisce non è diretta verso le cose nel loro essere, bensì ai moti delle cose nel loro mutamento.
L'idea fondamentale del tutto è quella del mutamento. Nei dialoghi si racconta come Confucio, un giorno sulla riva di un fiume, disse:
' Tutto finisce e scorre come questo fiume, senza sosta nè giorno e notte'. Così è enunciata l'idea del mutamento. Lo sguardo di colui che ha riconosciuto il mutamento non osserva più le singole cose che gli succedono dinanzi, bensì l'eterna immutabile legge operante in ogni mutamento. Questa legge è il Tao'.
Il secondo tema fondamentale è riguardo la teoria delle idee:
' Tutto ciò che avviene nel mondo visibile è l'estrinsecazione di una 'immagine' di un'idea invisibile. In questo senso tutti gli accadimenti terreni sono soltanto la riproduzione, per così dire, di accadimenti soprasensibili (direi trans --sensibili), e per quanto riguarda il decorso temporale, hanno luogo più tardi di quelli soprasensibili. A queste idee possono accedere per intuizione immediata solo i saggi e i santi, che sono in contatto con quelle sfere alte. Così questi santi sono posti in grado d' interferire in maniera decisiva negli accadimenti universali, e in tal modo l'uomo forma assieme al cielo, mondo soprasensibile delle idee, e alla terra, mondo corporeo del visibile, una triade di potenze originarie."
(da I Ching a cura di R. Wilhelm, Ed.Adelphi).
Ora al momento giusto l'interpellerò, non ho ancora una 'richiesta' adeguatamente cinese, ma solo scorie di un pensare occidentale che mi farebbe 'chiedere' su termini di causa ed effetto, totalmente inadeguati per quanto riguarda la dinamica dell' I Ching. Penso proprio che il difficile dell' I Ching sia proprio nel cercare di avere stabile consapevolezza del sistema operandi dell'antica saggezza cinese. Ci studierò un pò sopra.
Ore 14.35, ora mi rilasso con la mia Consuelo. A dopo mondo.
Ore 19.26. Oggi pomeriggio ho approfondito la mia amicizia con Romolo, e camminando in corridoio mi ha raccontato il suo calvario, un calvario che fa sembrare la storia di Romano Er Poeta, come una passeggiata di salute. In tutta la sua vita, 44 anni, ha subito una cosa come 19 operazioni chirurgiche alla spina dorsale, nato con una spina dorsale bifida e una gravissima forma di anemia, che nonostante tutto non gli aveva impedito di avere una vita relativamente autonoma, camminava con il bastone, guidava la macchina. Ha viaggiato molto per il suo lavoro, insomma una vita pseudo normale fino a che'. La sua schiena peggiora creando, a sua totale insaputa, fistole che cominciarono a danneggiare i nervi ed i muscoli, fistole tra cui una gli si infila nell'ano e pian pianino comincia a divorarlo da dentro senza che lui si accorgesse di niente, anche perché mi spiegava che facendo la doccia da seduto difficilmente arriva in quella parte. Sentiva dolore, ma una volta fatte le lastre alla schiena ed alle gambe con esito negativo la storia è andata avanti, quando in visita di controllo un medico gli dice ' Romolo ma non ti sei accorto che dietro hai una caverna?' Gli è letteralmente preso un colpo, ricoverato d'urgenza oggi si trova come l'ho visto stamattina. Agghiacciante. Parlava e ricollegavo la visione, ed un fremito di terrore mi'ed con stupore mi attraversava. Come può essere possibile una cosa del genere?
Che karma st'omo ragazzi, oggi ha letteralmente ridimensionato Karate Kid (il ragazzetto incidentato) perché si lamentava con dottori e infermieri dopo un giorno di degenza. L'ha inchiodato in un modo tale che il Kid è piombato in un sonno, che neanche le numerosissime visite era riuscito ad interrompere.
Ora vi lascio perché il mio amico con il quale ho visto la partita ieri sera mi invita a passeggio nel corridoio...ci si risente tra un pò, a domani e buona notte ai sonatori.
L'uomo mantiene la sua infinita singolarità in tutti i suoi più reconditi aspetti.
Luke
Giovedì 4 novembre 2010