Diario dal Cocoondome'

Luca è in ripresa...ormai mangia i pasti dell'ospedale e gli piace tutto quello che gli preparano..
L'esame di oggi è stata una vera tortura...impensabile farlo solo 4/5 gg fa..per come doveva essere eseguito...e invece lui ...ha "stretto"...anzi "aperto i denti...e l'ha fatto...con tanto di complimenti dei tre medici che lo hanno assistito...e che lo hanno rassicurato..: il cuore sta bene..non c'è infezione...tutto procede al meglio..
Il 27 ottobre andrà in ambulanza a Roma per la risonanza magnetica...già prenotata..avremo ulteriori risposte e approfondimenti..
Tutti fanno il tifo per lui...e ha un'assistenza eccezionale..con le infermiere che lo adorano...e i dottori..pure..
E' una strada lunga e faticosa...ma c'è la luce.
Mi ha chiesto di pubblicare le sue riflessioni su questi giorni di degenza...nel cocoondome.. per rassicurare e far sorridere chi, come tanti di voi, ci sta sostenendo in questo incredibile "viaggio" che è la malattia di Luca.
Nelle sue notti insonni scrive, pensa, medita..si commuove...per quello che gli sta accadendo... e la sua forza e la sua vulnerabilità sono gli ingredienti che mi permettono di "sentire" questo Amore che provo per lui....così intenso...così profondo...così "oltre" i miei possibili propositi e sentimenti....
E' una bella storia la nostra...una storia che dà speranza e fiducia...una semplice e straordinaria "storia d'amore"...che ci è capitato di vivere....non per merito nè per capacità...ma solo...per fede...coraggio...in Verità, Semplicità e Amore...
Grazie amore mio....grazie per tutto questo!!!! Tua Jola
Pubblico in successione secondo un ordine cronologico... dal 17 ottobre al 21 ottobre...cioè oggi. Buona lettura e...se volete commentate...riferirò....Luca ne sarà felice....

Diario di bordo da Cocoondome....17 ottobre 2010.
CHE DOMENICA al Dome!!!
La mia prima domenica in ospedale. Dopo aver passato la nottata a scrivere al comp. mi sento estremamente riposato.
Il dono del risveglio lucido, proprio cosi, sto riassaporando il gusto della lucidità, specialmente quella lucidità corporea, quella rivolta a qualsiasi tipo di movimento interiore: scosse nervose, fitte, rilasci, movimenti quasi totalmente rimossi e sgretolati dall' olone onnipotente che con il suo: ' Ao! ma tanto di una cosa se deve mori! oppure! Non era niente!'.
Pian piano con questo giochino, la settimana scorsa ci stavo rimettendo le penne. Tutti quegli esami fatti hanno, con: tac, risonanze, test ematici, lastre, visite specialistiche, con i loro raggi, i loro aghi, le manipolazioni, risvegliato in me aree di sensibilità del corpo, non un risveglio come quando ci si sente dopo una seduta di reb., non quella sensazione, bensì, un risveglio alla vulnerabilità, alla fragilità e alla precarietà di tal corpo. Ogni più piccola funzione del corpo diventa conscia, attraverso i dati scaturiti dagli esami. Ogni numero, se sballato fa risuonare la parte in causa elettrizzandola. Ecco! se dovessi usare una metafora, direi proprio che la mia percezione interna é come quella della rana di Galvani, a cui anziché la somministrazione di scosse elettriche, gli vengono somministrati dei codici o valori, bilirubina ed il fegato ding, creatina ed il pancreas ding, globuli bianchi ed il sangue ding.
Durante il mio primo sonno che va dalle 10.30 alle 1.00 nella fase di addormentamento, ascoltavo tutte queste micro scosse nervose che mi attraversavano il corpo e in un attimo una visione spontanea, ho rivisto e risentito in carrellata tutti i momenti di terrore che mi attanagliavano la coscienza quando era ora di andare a letto. Cazzo! ho sempre avuto paura del sonno, non del buio, ma proprio del lasciarmi andare al sonno. Nottate intere passate sveglio, pipi a letto fino all' età di undici anni. Credo che molta della mia attitudine passata allo sballo fosse finalizzata ad evitare di sentire quel passaggio lucido di pre addormentamento. Stravolto dal vizio, collasso, ed é già mattina. Incredibile.
Ma torniamo al racconto dettagliato della domenica passata nel Dome.
Ci siamo svegliati come di consueto, tutto liscio fino a che Pietro 'Er sardo', ribattezzato oggi da me 'Alalà', si misura il tasso glicemico sperando in una lettura che gli permettesse di uscire. Il responso da una lettura alta, mettendo a rischio l' uscita. Alalà é vittima di uno di quei circoli viziosi mentali della serie :' IO SONO INCAZZATO PERCHE' C' HO FAME, QUINDI MANGIO, POI SI MISURA LA GLICEMIA , LA MISURAZIONE RISULTA ALTERATA E COMINCIA AD INCAZZARSI PRENDENDOSELA.... MEDICI COMUNISTI, CIBO COMUNISTA, INSULINA COMUNISTA ETC. QUANDO LA RABBIA COMINCIA AD ATTENUARSI COMINCIA IL CANTO IN CORRIDOIO, FACENDO GINNASTICA, TIPO FLESSIONI AGGRAPPATO AL TERMOSIFONE, DICEVO COMINCIA AD INTONARE I CANTI DEL VENTENNIO. COMUNQUE ALLE 14.00 LO DIMETTONO. UN ALTRO IMPORTANTE PEZZO DEL DOME CI LASCIA. AUGURI A TE PIETRO.

COMINCIA LA TERAPIA DELLA FLEBO E LE VISITE. IOLE APPARE CON TUTTI I BAGAGLI PIENI D' AMORE.
IN TUTTO QUESTO PERIODO PER L ENNESIMA VOLTA MI HA DIMOSTRATO LA FORZA DELLA SUA FEDE.
IL SUO ACCUDIMENTO NEI MIEI CONFRONTI MI HA LASCIATO SBIGOTTITO.
IL MIO CANTO LIBERO é QUEST'ANGELO RICCIOLONE ...CHE MAESTRA DI AMORE INCONDIZIONATO!!
QUESTA VOLTA LE DEVO PROPRIO LA VITA. TI AMO COME SOLO IO POSSO.
VENUTO ANCHE MIO FRATELLO CHE ,PER PROCURARMI LA TELEVISIONE, HA CIRCUMNAVIGATO IL LAZIO, GRAZIE BROTHER.
ESCONO i visitatori,
L'OSPEDALE TORNA AGLI USUALI RUMORI, RITMI E LUCI.
Mi ricordo verso le 16.45 andare in bagno pensando a chi avrebbe riempito il posto di Pietro, pensavo, visto che era domenica, tardo pomeriggio, che il posto ormai si sarebbe riempito l'indomani. Tiro lo sciacquone e di fronte alla mia stanza vedo imboccare la lettiga con paziente, portantino, familiari e medico al seguito. Entro mi metto a letto e ricomincio con lo scrutinio del soggetto, ho una gran voglia di sapere chi é, ma siccome devo trattenere la mia curiosità, sino a che er Poeta non gli somministra l' intervista d'entrata. Finalmente Romano si sveglia e dopo aver messo a fuoco la new entry, comincia l'interrogatorio.
Vi ricordate ieri raccontavo del generale dell' esercito dalla cacata e via? Ebbene 24 ore dopo, anche se per motivi diversi, nello stesso letto si é materializzato un altro Generale, questa volta della Marina, e questa volta una persona molto meno snob, con sofferenza cardiaca. Un uomo di 85 anni basso e tozzissimo,un blocco di muscoli massicci, una pelle rosa porcellana, quasi totale assenza di peli, occhi blue che più blue non si può, e dei capelli taglio militare, bianchissimi, veramente un delizioso "pupazzo" di porcellana. Tanto é vero che la moglie e la figlia mentre lo svestivano (la scena mi faceva pensare alla svestizione di un grande condottiero), c'era qualcosa di regale in quelle donne forse anche troppo. Lui disteso braccia conserte sempre in apnea che si faceva spogliare, da mamma e figlia che tiravano via i vestiti con la punta delle dita facendo subito attenzione a non toccarlo. Svestito dalla corazza, dentro il bozzolo, un bimbo, impaurito e vulnerabile.
Una persona da scoprire.
CENIAMO E NINNA. MI ADDORMENTO PROFONDAMENTE ALLE 10.20, DORMO PROFONDO, SINO A CHE NEL SILENZIO DELLA NOTTE SENTO CON VOCE FERMA E SQUILLANTE LA VOCE DEL MEDICO CHE diceva... :'Luca!, Luca!, svegliati! dai ce la fai! quando le hai prese le pasticche? Quante?'.
D'un tratto mi sveglio, sono fradicio di sudore, mi guardo intorno e scorgo il medico che chino rivolto sul paziente posto nel letto di fronte a me cerca di svegliarlo, ma lui per ben tre volte lo smanaccia via. Mi sale la paura, noooo, il tossico in preda ad una overdose di psicofarmaci noooooo!!!. Ho una estrema conoscenza di quei comportamenti, urla, strappo delle flebo e altri abusi. Morale della favola l'intera camera fà nottata in bianco. Solo Domenico er Sordi dorme profondamente. Durante la notte ho pregato affinché non insorgessero complicazioni, sapendo che la mattina al risveglio, tornato alla consapevolezza della sua assuefazione avrebbe alzato i tacchi, firmando, arrivederci e grazie.
La mattina infatti alle 11.00 già non ne poteva più per quel suo atteggiamento arrogante e altezzoso, suonando il campanello 200 volte, esigendo che per lui si stravolgessero gli iter ordinari ospedalieri. Alla visita dei medici mi sono veramente gustato la sua evacuazione. Seguivo il medico donna con cui mi sento connesso più sottilmente, che gli proponeva il da farsi, ben sapendo e aspettando che il tossico pronunciasse le famose parole 'ma no dottore, io firmo e me ne vado'. Cosi fu, ed il medico lanciandomi un sorrisetto d'intesa, raggiante: ' MA CERTO..!!'
Quindi il tossico esce e se ne va. YES!. Si rimane in cinque, anche se oggi dovrebbero dimettere 'Er Sordi' e Romano 'Er Poeta'. Un bel colpo, ma contentissimo!!! Prego per loro perché questo avvenga.
Passano i medici: Ci visitano. Sono molto contenti di vedere il mio miglioramento ed anche io. Passano poi ar 'Sordi', già praticamente con la valigia in mano, e ahime! Gli comunicano che la sua uscita é stata posticipata di un giorno. AIUTO!!!, Er Sordi in quel momento si è chiuso a riccio, sparando bordate e insulti a chiunque gravitasse dentro o solo nei paraggi del Dome. Ora finalmente dorme'

Ore 16.54 Inizio tempo reale.
Arriva l'esercito dei volontari, aiutoooooooooo!! (mentre finisco la riga si avvicina la volontaria, la legge e se ne va,, jay). Io non riesco a capire da che parte stanno. Stamattina un signor volontario si permetteva di dire al tossico, che faceva bene ad andarsene, dicendogli, mentre criticava la colazione che ci avevano portato, che tanto in questo ospedale non gli avrebbero potuto fare niente. Adesso altre due zitellone stagionate, di cui una tedesca di una settantina di anni tutta vestita alla 'Miss Tirolo' con dei capelli color silver che gli arrivavano sopra il culo. Con la sua degna compagna anche loro hanno cominciato una velata critica verso il servizio offerto da questo ospedale. <Miss Tirolo rivolgendosi al buon Romano lo esortava ad aprire le spalle ed a provare ad alzarsi. Il buon Romano ha subìto un investimento da parte di una macchina, traversando sulle strisce, che viaggiava a 80 km.. Frattura di entrambe le gambe, più numerose escoriazioni, numerosissimi punti. La sera scorsa mi ha raccontato la sua operazione; racconto dell'orrore. In seguito all'operazione, durante un cambio letto, gli infermieri lo fanno cadere, riaggravando ed allungando cosi i suoi tempi di recupero. Finalmente terminato il calvario torna a casa dove scivola e si rompe una costola, ed ecco il motivo della sua quasi mensile permanenza nel Dome. E questa cavolo di Miss Tirolo che.... Mah. non riesco a capire il loro ruolo, anche perché resesi conto della gaffe ci hanno liquidato della serie...'Mah visto che non c'è ancora da fare ci si vede dopo per la cena'. Mai più viste !
Fine tempo reale

Nottata molto tranquilla, nessuna nuova entrata, anzi il reparto é svuotato, ieri ci sono state numerose dimissioni, poche anche le visite, che pacchia.
Sono le 3.10 come al solito, eccomi qua, seduto al mio posto del tavolino, che condivido con grande gioia con Er Sordi.
Sapete? tavolino e sedia indica che non si é allettati. Grandi risate con Domenico, anche perché quando si é a tavola er Sordi si lascia andare alle serotonine del cibo (in tutti i sensi). Grande spasso. Oggi si discuteva con il generale, altra grande persona, sulla spietatezza dei virus o dei batteri . Perfette e spietate macchine da guerra. Riflettevamo sugli effetti lasciati sul campo di battaglia dopo il passaggio di NDR 315, é cosi che ho chiamato la mia molecola sanguinaria. Ora, se é vero che i numeri che ci compongono a livello atomicomolecolcellulare, sono numeri che uguagliano i numeri delle stelle, pianeti, contenuti nel nostro sistema solare, ma allora, chi cazzo é quest' 'astronave impazzita' che ha e continua ancora a distruggere il mio microcosmo? Io non sono più sicuro che i mostri alieni o anche altre forme di vita e'traterrestre siano da cercare cosi lontano. Credo che il mio NDR 315 possa essere benissimo un mostro alieno, dalle straordinarie capacità belliche. Un Galactus signore dello spazio, divoratore di mondi.
Esattamente ciò che NDR fa nel mio organismo: blocca, corrode, infiamma, infetta e uccide interi sistemi del mio corpo prima di essere debellato, a volte può persino vincere lui.
Pensiamo al rapporto numerico delle forze in campo: da una parte uno e dall'altra? Beh, se volete proprio digitate sul motore di ricerca: Di quanti atomi, molecole e cellule é composto il corpo umano? Poi sommatele e constatate di che cazzo di guerra si tratta. Il mio mondo molecolare credo sia totalmente diverso e relativamente autonomo dal sistema più ampio e complesso che é la mia coscienza. Cosi diverso e autonomo come tutti gli altri mondi che compaiono nella scena integrale della mia coscienza: Il mondo atomico, cellulare, il mondo psichico etc. Diversi ma...se una inusuale combinazione atomica riesce a modificare il messaggio che la molecola deve portare alla cellula, tale molecola corrotta, riuscirà ad eludere le difese cellulari e ad invertirne la funzione al fine di fiaccare le resistenze psichiche. Et voilà, sembra essere tutto collegato. Quando si sta male si sta male in tutti i nostri molteplici aspetti. Cosi come per la guarigione totale, nessun pianeta o stella dell'intero sistema può rimanere in guerra e gli altri vivere in una condizione di pace e prosperità. Guerre epocali, periodi di distensione, di pace e prosperità, e poi di nuovo, caos, disordine e carestie.
Allora quando guardo il mondo là fuori, il mondo fenomenico, il mondo percepito dai sensi, e osservo le varie guerre fra opposte cellule ( guarda caso gli abbiamo messo il nome cosi es. : la cellula di Alkaida) appartenenti allo stesso sistema, non posso più pensare ad una risoluzione verso una pace delle parti che non passi attraverso un processo di riacquisizione del fatto che in ogni singolo individuo, parte di quel conflitto, all'interno di ciascun essere, esiste un conflitto più direttamente personale, dove, si può star combattendo la battaglia per la tua vita e tu magari non ci sei perché sei arruolato altrove, magari proprio in Afghanistan.
Dove c'é Bin Laden di sicuro c'é anche un NDR 315 molto più vicino non scordiamocelo mai. Ore 5.07 dal Dome
Hasta la victoria! Luca domenica 17 ottobre 2010.