Bilancio 2008'

Oggi è Natale. Ieri sera sono andata a letto presto..e ho dormito tanto e bene.
Sono sveglia da un po' e questo spazio di silenzio e pace mi piace da matti.
Ho pensato di scrivere una riflessione su un 2008 che è trascorso ormai e che è stato forte e intenso..e per questo, 'speciale'.
Cerco di fare un bilancio cronologico di questo anno, lasciando andare i tasti del mio Ibook dove la mente li guida, a condivisione e testimonianza di quanto accaduto in questo pezzo della mia vita.
A gennaio il nuovo anno è iniziato con una brutta influenza che ha piegato me e Luca dopo circa 10 anni di non ' malattia. Ho perso 5 chili che mi sono portata per tutto l'anno'e devo dire che mi piace avere questo 'nuovo' peso. Non ho fatto diete né ho deciso di volerli riprendere'li ho accettati così come sono venuti.
Il seminario per le donne di febbraio e quello di ottobre a Villa San Secondo..sono stati due eventi importanti per la mia crescita spirituale e per il mio modo di promuovere il rebirthing transpersonale.
La 'scoperta' di Carol Gilligan e di Mirella Santamato e dei loro scritti mi ha aperto ad una 'conoscenza al femminile' e a un modo di osservare la realtà che, oltre a Peggy, non avevo mai intuito..eh sì che pensavo di essere una femminista e anche aggiornata!!!
E invece no! Grazie anche alla presenza e allo scambio con Luca e all'incrocio delle nostre rispettive parti Maschile ' Femminile abbiamo avuto accesso a un nuovo modo di potersi approcciare al mondo e alla ricerca spirituale come crescita e comprensione. E' l'Altro il Dio che devo amare e riconoscere, servire e aiutare e la rinuncia al mio Io..non è un atto di sottomissione ma un atto di resa'all'Amore. E' molto complesso da spiegare e mentre lo faccio ne sto riconoscendo la parzialità.
Comunque pensavamo di non ripetere i seminari per sole donne'e invece ad ottobre ne abbiamo compreso l'inevitabile necessità: noi donne non siamo abituate a stare insieme in un gruppo dove l'autenticità è la prima richiesta, e molte donne hanno manifestato il loro disagio..a trovarsi a così stretto contatto con altre donne. Il 'respiro ' poi fa il suo 'lavoro' e nella condivisione e nella libertà di espressione, emergono le nostre comuni difficoltà: siamo invidiose, competitive e se una donna vuole fare la 'Maestra' è più facile da criticare che se lo fa un uomo ( infatti ci sono più maestri spirituali nella new age'che donne..)..insomma non ci fidiamo di noi'e non conosciamo a fondo le nostre capacità. I seminari hanno permesso a me e Luca di poter condividere tutte queste informazioni e insinuare 'dubbi' sulla presunta sudditanza della donna all'uomo. E' solo l'inizio..ma 'camminando s'apre cammino'!
La stagione a Luna Rossa è arrivata a giugno con la pioggia'e come sempre abbiamo iniziato in sordina'ma alla fine, come sempre, è andata bene: tanti incontri, tante emozioni e il lavoro con i bambini è sempre così intrigante e divertente. Poi ormai tra noi nello staff c'è armonia e le nostre diversità sono i nostri punti di forza.
Ritrovarmi a soccorrere due persone ( un signore emi ' paretico caduto da una barca a vela e un ragazzo di 17 anni che si stava affogando) mi hanno fatto comprendere come un momento di disattenzione può essere fatale'e anche come non è possibile stare sempre in ansia perché può accadere qualcosa. Come nella vita, la giusta misura tra l'attenzione e il lasciare andare'sono state comunque due esperienze intense e le parole di Alessandro quando ha compreso che era salvo sono state :'La vita è meravigliosa!!!', un brivido mi percorre la schiena ogni volta che ci penso.
Emil quest'anno ha iniziato la scuola elementare: è uscito dal mondo dell'infanzia per entrare in un altro step evolutivo. Dopo un primo momento di sbandamento comune ( fare i compiti era una tragedia per tutti e tre..) e grazie a delle maestre 'cadute dal cielo'tutto è rientrato, ed ora Emil va a scuola felice e sereno e riconosce che i compiti sono un bel gioco per imparare a conoscere la vita.
Il mio lavoro è ripreso a novembre: ci sono stati dei cambiamenti..e chissà..forse non sono neanche finiti. Il mio part time suscita tante invidie e proiezioni ma, come dice Filippo, di solito i cambiamenti portano sempre nuove opportunità. Io non mi sento preoccupata..ho già affidato tutto: Om Namah Shivay. Lo so che ogni mio cambiamento mi porta comunque sempre a me..e quindi sono aperta e fiduciosa che qualsiasi cosa accadrà..la saprò accogliere e accettare.
In tutto questo fluire ci sono stati i seminari di rebirthing mensili, gli incontri ad Asti, i miei post sul blog e la scoperta del mondo di Facebook che mi ha messo in contatto più stretto con la mia Comunità!
Questa estate sono stata ad una festa con il mio miglior amico S.: un incontro meraviglioso dopo un anno che non ci vedevamo. Lui mi ha fatto notare che io e Luca abbiamo creato una piccola 'comunità' utilizzando la rete e il rebirthing. Un gruppo di persone uniti da un interesse comune che condividono il loro percorso personale e spirituale. Questa realizzazione mi ha permesso di avere ancora più consapevolezza di quello che è il mio stare nella mia vita'sia da sola che con Luca ed Emil.
La coerenza con cui cerchiamo di vivere ogni giorno e di essere semplicemente noi stessi, con tutti i limiti, le rigidità e i punti di forza, sono l'unico 'cibo' che possiamo condividere con chi incrocia il nostro cammino.
I seminari di Roma ne sono un esempio: si respira un'aria di libertà e di condivisione di quella libertà nel rispetto delle nostre diversità.
Filippo quest'anno ci ha dato il darshan di poter condurre il corso di base biennale qui a Roma: offriamo il percorso di approfondimento della nostra tecnica con una continuità che possa permettere l'acquisizione degli strumenti e il tempo opportuno per comprendere profondamente che cos'è il rebirthing transpersonale della scuola del dott. Filippo Falzoni Gallerani.
I costi contenuti ( non è residenziale e i pasti li prepariamo noi) permetteranno una maggiore adesione e soprattutto le persone che vivono al Centro e al Sud potranno partecipare senza costi aggiuntivi per il viaggio. In un momento di crisi come è questo bisogna venire incontro, secondo noi, alla possibilità di accesso a strumenti che possono migliorare la propria consapevolezza per vivere meglio.
Chi sarà poi interessato al training di rebirther..allora dovrà investire su di sé per un altro biennio e necessariamente conoscere Filippo, Villa San Secondo'insomma da dove viene la nostra tecnica e come si deve promuoverla. Questo passaggio riteniamo essere indispensabile'anche perché noi ( io da 12..Luca da 9 anni) continuiamo ad andare a Villa almeno 5/6 volte l'anno'si chiama coerenza verso la tecnica e verso Filippo che ce la continua ad insegnare.
Il 2008 ha visto anche l'uscita di scena di amici che ora non frequentiamo più, persone che sono state nel rebirthing e che hanno preferito astenersi dal criticarci e sono semplicemente 'scomparse' perché la nostra vicinanza non era molto gradita ( come dice una nostra amica: 'non parlate in mezzi termini..'). Siamo abituati a questi 'silenzi' e riusciamo anche a com 'prendere il perché.
Il dolore ha un grande 'medico'..si chiama Tempo.. e le delusioni iniziali si trasformano in compassione e Amore perché si riesce a com 'prendere il punto di vista dell'altro. Mi piace questa realtà perché tiene a bada il mio Ego che vuole essere solo Luce e mi sento che la delusione e la rabbia, lo scontento che provo..hanno motivo di essere perché ho amato e mi sono affidata completamente a quelle persone'e quindi è gusto che ci siano entrambe le emozioni senza esserci 'discordanza'.
Non ho rimpianti anche perché so che ormai le relazioni ci saranno comunque ma saranno 'diverse' da come erano prima. Il bello è che arrivano nuovi amici ad arricchire la vita e a fare il 'viaggio' con noi'
E io? Io sono sempre Jole e, come dicevamo ieri sera con Luca, non siamo cambiati noi rispetto a 20 anni fa..ma è soltanto cambiata la consapevolezza con cui ci osserviamo che è diversa.. e questa ricchezza è il motore che mi fa andare avanti, che mi fa scrivere su FB o sul mio blog, che mi fa 'partorire' queste riflessioni che poi saranno aggiunte al nostro sito come strumento di condivisione e pubblicizzazione del rebirthing.
Nel 2002, alla nascita di questo sito, una delle critiche mosse era stata proprio questa: 'Non si può mettere in rete la propria storia personale..non è deontologico'. Questo è vero per gli psicologi occidentali e..grazie a Dio'non tutti ( Filippo infatti ha raccontato nel suo primo libro la sua storia personale per spiegare come è arrivato al rebirthing transpersonale!), e invece il mio coraggio e la mia trasparenza mi permettono di diffondere e parlare e scrivere del rebirthing, continuando a raccontare cosa ha cambiato nella mia vita. Mi rendo conto che chi ha criticato..non poteva farlo..perchè non credeva più alla capacità trasformativa della tecnica. E' quella coerenza che Filippo mi ha insegnato. Quell' amore per la consapevolezza come terapia e il respiro come strumento per attuarla..una magia così semplice che ancora molti non riescono a sostenere.
Ecco l'articolo si è scritto da solo, l'ansia del 'cosa scrivo' iniziale ha lasciato lo spazio a questo ascolto interiore, a questa profondità difficile da scrivere e descrivere.
Chiudo il 2008 con un bilancio positivo: è stato intenso e ricco di eventi: piacevoli e dolorosi ( malattie e morte di amici cari'), intensi e frivoli.
Luca ed Emil sono lo sfondo e la cornice su cui tutto è fluito. Essere Madre è un compito magnificamente faticoso e meraviglioso insieme. Sentire l'odore di Emil, la tenerezza di un suo bacio e un suo abbraccio, la fatica che fa a..diventare grande e autonomo, mi appagano quanto vedere i suoi mille difetti che lo rendono semplicemente lui.
Luca invece è la mia 'rosa dei venti', il mio orizzonte degli eventi che tutto attira e tutto fa muovere.
Penso alla mia vita senza di lui, alla possibilità di perderlo e di non poter avere tutto questo. Un dolore mi avvolge insieme a una gratitudine infinita alla Vita..per averlo comunque avuto con me in questi ormai 8 anni'
La nostra storia comune è fatta di diversità e opposti che danzano insieme in un'armonia che è oltre noi. Lo sappiamo che non è nostro merito'e con umiltà ringraziamo.
Mi aspetto un 2009'bello intenso e ricco di emozioni, come sono io, com'è la mia vita oggi.
Buon anno a tutti quelli che mi leggono e a te, caro lettore, auguro che questo scritto abbia creato'con ' fusione. Om Namah Shivay!